maggio 31, 2019

I XII Premi Porcelanosa guardano al futuro attraverso il design, l’architettura sostenibile e l’accessibilità

La giuria di questa dodicesima edizione era formata da Beatriz Silveira, Abel Matutes, Carlos Valverde, Manuel Aires Mateus, Alejandro Zaera-Polo, Andrés Jaque e Kike Karasola.

Al gala hanno partecipato architetti e interior designer di prestigio internazionale come Carlos Lamela, Kelly Hoppen o William Sofield, che hanno ricevuto tre premi onorari per la loro vasta esperienza e il coinvolgimento nel settore.

Il futuro sarà sostenibile o non lo sarà. Questa era una delle premesse principali dei XII Premi di Architettura e Interior Design di PORCELANOSA Grupo.

Al gala, che si è tenuto giovedì presso la struttura di Zalacaín LaFinca di Madrid, hanno partecipato oltre 430 ospiti e una giuria composta da alcuni dei principali rappresentanti di architettura, design, gestione alberghiera e immobiliare a livello nazionale e internazionale. È il caso di Abel Matutes, Beatriz Silveira, Carlos Valverde, Manuel Aires Mateus, Alejandro Zaera-Polo, Andrés Jaque e Kike Karasola.

“Molti pensano che l’unica quantificazione valida sia quella numerica, altri come PORCELANOSA Grupo mettono l’accento sul valore umano, sui nomi e cognomi che danno movimento, colore, forma e vita a ciascun progetto, a ogni pezzo di questo puzzle di ceramica”, ha sottolineato nel discorso iniziale la giornalista Monica Carrillo, presentatrice del gala con Michi Primo de Rivera.

Nel corso dell’evento, sono stati assegnati tre premi per il Miglior Design del Futuro nella categoria Studenti, Professionisti e Design dell’Anno, un Premio Speciale 2019, sette Menzioni Speciali e tre Premi Onorari.

Diverse generazioni unite dal design

Gli studenti del Master BIM in Gestione e Produzione di Progetti di CICE di Madrid, Sofía Pérez de Amezaga e Mikel Goñi di Los Arcos, hanno vinto il Premio al Design del Futuro per la categoria Studenti con la proposta La Cantera: Naturaleza Humanizada (La Cava: Natura Umanizzata). Si tratta di una reinterpretazione degli stabilimenti retail con cave naturali come ispirazione. Una riflessione architettonica basata su linee terrene e spirituali in cui il “paesaggio diventa qualcosa di organico e disordinato. Un’apertura razionale, lineare e ordinata che mette il cielo in contatto diretto con i materiali più puri”, hanno spiegato gli stessi architetti del progetto.

Il Premio Design del Futuro nella categoria Professionisti è andato allo Studio Cimbra Arquitectos per il progetto El Niu (Il Nido). I suoi autori, Marar Nogueira, Pablo Rozadas, Mireia García, Raquel Toledo ed Efrén Blanco, hanno proposto uno spazio Food Court basato sull’esperienza del cliente e sulle forme, colori e texture che trova durante il suo viaggio. “El Niu si caratterizza come un pezzo centrale iconico dello spazio globale i cui due piani concatenano spazi di uso pubblico e relax. Inoltre, la sua facciata genera un ingresso e un’uscita permanenti di luce filtrata”, hanno riferito gli autori.

L’innovativa abitazione Gom, una locanda di fronte al mare di Ángel Fito Estudio ha vinto due premi. Il primo di questi è stato il miglior Design dell’Anno, in cui l’uso e l’esecuzione del progetto sono stati valutati attraverso l’attenta selezione dei materiali di PORCELANOSA Grupo. Il secondo premio aggiunto alla lista è stato il Premio Speciale 2019, consistente in un viaggio a Parigi per visitare la fiera MAISON&OBJET e il negozio/studio di PORCELANOSA Grupo.

Con il Teide e l’Oceano Atlantico come cornice, questa casa a La Gomera (Isole Canarie) “si presenta nella parte superiore del terreno, liberando così quanta più superficie possibile sul fronte sud-est per sfruttare le viste e generare una piscina a sfioro. La casa cerca in ogni momento di orientarsi verso il mare e godere dei panorami offerti dalla natura”, ha definito Ángel Fito stesso.

Per uno sviluppo urbano sostenibile

Il rispetto per l’ambiente, gli edifici inclusivi e i materiali eco-sostenibili sono stati alcuni dei criteri premiati in gran parte delle sette Menzioni Speciali. L’azienda promotrice Aedas Homes ha ricevuto una Menzione Speciale per la qualità architettonica nella Promozione Residenziale di Nuova Costruzione.

L’ufficio Batlle & Roig Arquitectos ha ricevuto la Menzione Speciale per la Sostenibilità e l’Ecologia per l’uso delle facciate ventilate di Butech.

La Finca, con il suo progetto LAFINCA LG3, ha ricevuto la Menzione Speciale per il Miglior Progetto immobiliare dell’anno realizzato con i prodotti PORCELANOSA Grupo.

L’Associazione dei Promotori immobiliari di Madrid (ASPRIMA) e il Politecnico di Madrid (UPM) hanno ricevuto la Menzione Speciale per la laurea ASPRIMA-UPM per la dedizione nei diversi processi formativi.

L’aeroporto di Roma-Fiumicino ha utilizzato il minerale compatto Krion® K-Life 1100 nei banconi per il check-in e in alcune parte dei nastri trasportatori, motivo per cui ha ricevuto la Menzione Speciale per l’utilizzo dei materiali di PORCELANOSA Grupo.
Il lavoro di Javier Higueras all’interno di HCP Arquitectos ha ricevuto la Menzione Speciale per la Carriera Professionale per i 25 anni nel campo edile ed Eddea ha ottenuto la Menzione Speciale per la Promozione Residenziale Internazionale.

Riferimenti internazionali di architettura e interior design

L’architetto Carlos Lamela, l’interior designer britannica Kelly Hoppen e il designer William Sofield hanno vinto tre premi onorari per la loro carriera professionale e l’influenza che il loro lavoro ha avuto nel corso del XXI secolo. “Da PORCELANOSA Grupo abbiamo difeso la qualità, l’innovazione e il design Premium in tutte le nostre otto aziende. Il nostro obiettivo non è solo quello di coprire le esigenze di clienti privati e professionisti, ma vogliamo anche essere fonte d’ispirazione, riferimento e guida di tutti quegli agenti educativi, economici e culturali che costituiscono la nostra società”, ha concluso Héctor Colonques, presidente di PORCELANOSA Grupo.


Condividere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Si prega di selezionare la lingua/il paese.