settembre 18, 2018

Porcelanosa accresce la resistenza dei suoi elementi grazie alla tecnologia antigraffio

Durante una costante ricerca effettuata con lo scopo di offrire un prodotto dalle eccellenti prestazioni, Porcelanosa ha realizzato una nuova tecnica di produzione per creare una finitura resistente al graffio, per pavimenti e rivestimenti.

Dopo due anni di ricerche e di messa a punto, l’azienda è riuscita ad impiegare in ognuno dei suoi elementi un materiale resistente alle macchie, impermeabile ed antigraffio. Proprietà che influiscono, inoltre, sulla finitura, che presenta un aspetto simile al marmo naturale, ricreando un aspetto organico senza decorazioni.

Resistenza antigraffio senza ‘pixel’

Durante il processo di elaborazione si è optato per l’abolizione degli smalti convenzionali, introducendo una nuova apparecchiatura che funziona grazie all’uso di complessi metallici (sali solubili) per la decorazione degli elementi. Una nuova tecnica che permette di lavorare le finiture direttamente nell’impasto, anziché sulle superfici smaltate del prodotto.

Questo nuovo metodo di fabbricazione, riduce la presenza del ”effetto pixel” nel design degli elementi. La cottura degli elementi avviene ad alte temperature (1.205 °C), in modo tale da permettergli di raggiungere alte prestazioni di durata e compattezza. Durante questo passaggio si realizza il processo di pulizia che andrà ad incidere sull’aspetto finale del prodotto.

Durezza ed estetica naturale

La finitura è presente nelle collezioni Bianco Pulido (58,6x118,7 cm), Carrara Blanco Pulido (58,6x118,7 cm e 79,2x79,2 cm), Thassos Pulido (79,2x79,2 cm), Aspen Pulido (79,2x79,2 cm), Calacata Gold (59,6x59,6 cm) e Portofino Pulido (58,6x118,7 cm).


Condividere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Si prega di selezionare la lingua/il paese.