maggio 27, 2021

Progetti

Conde Altea, una casa minimal con un tocco modernista

Questo appartamento di Valencia conserva la struttura originale del 1928 ed è stato ammodernato con le collezioni Premium di PORCELANOSA Grupo grazie all'intervento di Chiralt Arquitectos.

Riflesso di quell'architettura dell'inizio del XX secolo, in cui si abbinavano le forme volumetriche ai motivi ispirati alla vegetazione, alle lavorazioni in legno o alle colonne in marmo, la casa Conde Altea nel quartiere Ensanche di Valencia è un chiaro esempio del modernismo valenciano degli anni Venti, in cui lo stile eclettico divenne il nuovo linguaggio artistico.

L'appartamento di 100 metri strutturato in tre blocchi è stato restaurato dallo studio Chiralt Arquitectos con le collezioni di PORCELANOSA Grupo.

L'intervento architettonico eseguito negli interni ha mantenuto la struttura originale dell'edificio, eliminando le barriere tra le zone. Un diseño abierto en el que los elementos modernistas se intercalan con líneas simples y materiales nobles como la madera, la cerámica de Porcelanosa o el compacto mineral Krion®.

Una casa collegata da tre blocchi

 

Le tre aree di questo appartamento (zona giorno, notte e di collegamento) sono unite tra loro dal legno Nature 1L White di L'ac, che esalta la luce naturale di ogni angolo ed è intervallato dal rivestimento Sevilla White di Porcelanosa. Per mettere in risalto questo rivestimento in ceramica insieme alla cabina doccia è stata utilizzata la guarnizione Colorstuk 0-4 di colore nero di Butech.

Nel centro nevralgico della casa troviamo una loggia vetrata da cui si dirama la luce in tutta l'abitazione. La zona giorno è composta da ingresso, soggiorno, stanza da pranzo e cucina. Quest'ultima è il pilastro del complesso generale della casa, con una serie di armadi che ha inizio nel soggiorno e si estende fino alla cabina armadio della suite.

Un diseño continuista que se equilibra con una encimera de cocina construida con Krion® Lux 1100 Snow White K-Life y que mejora la estética e higiene de cada rincón gracias a su resistencia a las altas temperaturas, sus juntas imperceptibles y su nula porosidad, cualidad que evita que se acumulen bacterias en su superficie.

La zona giorno e la suite principale sono intervallate da un'area di collegamento, uno spazio intermedio in cui la loggia e il blocco di legno aprono il passo al bagno degli ospiti. In quest'ultimo si è optato per la cabina doccia Attica e i lavabi Aro di Krion insieme al sanitario e all'interruttore Noken e alla rubinetteria Round nella finitura nera, anch'essa dell'azienda.

Per mantenere le zone di lavoro indipendenti e continue, gli architetti hanno progettato una stanza indipendente che servisse da studio e da camera degli ospiti e che a sua volta si trasforma in un nuovo ambiente tramite il sistema di porte scorrevoli.

Unita alla cabina armadio dalle stesse tonalità neutre come il bianco e il beige, la zona notte è composta da una suite principale con bagno integrato in cui spicca la vasca freestanding Lounge Oval di Noken in contrasto con la pietra ceramica Newport (per il pavimento) e il mobile blu. Un colore confortante che aggiunge un tocco di informalità e brio alla stanza.

Architettura: Chiralt Arquitectos

Arredamento d'interni: Mónica Vivó.

Fotografia: Eva Pérez

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *